ORA BASTA

 

Come ogni anno, con l'inizio dell'estate, siamo ormai soliti spettatori del triste teatrino che viene messo in scena dal parolaio di turno.

 

ORA BASTA

 

Questa volta i tifosi del LEONE RAMPANTE vengono informati dalla stampa come il Presidente abbia dichiarato che, siccome la prossima stagione dovrà costare meno di quella appena conclusa, con l'aiuto di un uomo giunto dalla terra del conte Vlad si recherà "alla fiera dell'Est e per due soldi qualche pedatore comprerà". Dalla Romania dovrebbero giungere a Tortona non solo un blocco di giocatori "scafati", ma anche diversi giovani, in barba a ogni proposito di radicamento sportivo sul territorio. Era dai tempi del, per fortuna solo paventato, ingresso di Morris Pagniello che non si vedeva un progetto così antitetico rispetto a un'idea base di promozione locale del calcio dilettantistico. Perché investire nel settore giovanile, se basta andare altrove e prendere giocatori "un tanto al chilo"? Si badi bene che per "altrove" si intende alla stessa maniera, a esempio, il Veneto così come lo Zambia: comunque non è il tortonese, e tanto basta per rendere odiosa l'operazione.

 

ORA BASTA

 

Il Presidente ci tiene inoltre a far sapere come la passata stagione sia costata 700.000 €, dettagliando alcune voci di spesa. Peccato che qualcuno, ovvero coloro che dovrebbero rappresentare il capitolo rimborsi sportivi, dichiarino pubblicamente di non aver visto un euro da gennaio, e qualcuno ha pure vissuto in casa a lume di candela, perché la luce elettrica era stata tagliata e non c'erano nemmeno i soldi per pagare il biglietto per un ritorno a casa, che una partita in casa si sia svolta regolarmente solo grazie a un generatore recuperato all'ultimo momento, che anche i più accaniti volontari e collaboratori abbiano infine gettato la spugna di fronte alla assoluta mancanza di regole di minima correttezza e credibilità. Come si fa ora a parlare di budget della prossima stagione? Che senso può avere?

 

ORA BASTA

 

L'anno scorso ci era stato raccontato che, a causa della classifica deludente, alcuni sponsor si fossero defilati e che, nella seconda parte di stagione, il socio di minoranza non avessero fatto fronte agli impegni assunti: "amichevolmente" gli si era addossata la colpa dei ritardi nei rimborsi ai giocatori e collaboratori. Ora che non ci sono più soci finanziatori di minoranza, per quale ragione si è ripetuta, dal lato gestionale, pressoché la stessa tempistica di mancati emolumenti concordati della stagione precedente? In nome di un "risanamento" di cui si parla da almeno un decennio e di cui nessuno può essere testimone, perché l'ultimo bilancio depositato riporta dati risalenti al 30/06/2012, mentre la Tortona Communication & Marketing, che detiene il 90% delle quote del Derthona FbC 1908 srl, non ne ha registrato mai uno? Presidente, chi sono i suoi soci finanziatori, di cui nulla è dato sapere? Perché rimangono nell'ombra? Quali sono i reali interessi che animano "l'investimento Derthona"?

 

ORA BASTA

 

Il calcio è sempre stato strumento di aggregazione popolare, che crea un senso di appartenenza ad una comunità. Attorno all'attuale dirigenza, invece, ora c'è solo il deserto. Ribadiamo il concetto espresso a maggio dello scorso anno. Andatevene.

Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
comments powered by Disqus