ESORDIO AL COPPI

 

 

 

 

SUPERA LA PAURA

 

SALI SUL CASTELLO ;-)

Domenica 8 novembre 2015 il Derthona affronterà la S.C.D. (Società Calcio Dilettantistica) Ligorna, compagine nata nel 1922, nel quartiere Struppa di Genova e che ha raggiunto la quarta serie nazionale solo due volte durante la propria storia.

 

Il primo evento si verificò nella stagione 1967/68, in cui anche il Derthona militava nella stessa categoria, ma fu inserito nel girone B (e arrivò secondo, dietro la Cremonese, sfiorando la promozione in C), mentre i genovesi finirono ultimi e subito retrocessi.
Il secondo "picco" è invece vissuto proprio in quest'annata dal Ligorna, seppur tra le vicissitudini di un campo sportivo Grondona non omologato per la serie D e duramente colpito dall'alluvione del 4 novembre 2011 e la diatriba tra Comune e società gestrice dello Sciorba (LEGGI QUI)
Per questa ragione, non vi sono precedenti in gare ufficiali tra i Leoni e i biancoblù genovesi, che hanno iniziato alla grande (due vittorie e due pareggi), per poi cedere nelle ultime giornate di campionato.


Approfittiamo dello spazio normalmente dedicato alla memoria storica per dare uno sguardo ad alcune vicende che hanno interessato società limitrofe.

L'Oltrepò Voghera ha registrato le dimissioni del presidente Abeli, in aperta polemica con la decisione del Comune di Voghera di concedere lo stadio Parisi all'Asd Voghera per la partita casalinga contro l'Apos Stradella (LEGGI QUI). L'occasione è decisamente simbolica, perchè Asd Voghera e Apos Stradella sono considerate dai rispettivi tifosi, che mai hanno accettato la creazione dell'ibrido Oltrepò Voghera, le legittime eredi delle defunte Voghera e Oltrepò. Ora già qualcuno parla di possibili futuri scenari (LEGGI QUI) ma, in ogni caso, la lezione da trarre, anche dalle nostre parti, è sempre la solita la solita:

 

 

SENZA IL RISPETTO DELLA STORIA E DEI TIFOSI NON SI VA DA NESSUNA PARTE

 

 

Più o meno negli stessi giorni, è giunta la notizia dell'ufficiale cambio di proprietà della Novese, con l'80% delle quote cedute a Raffaele Retucci, "rappresentante" di una cordata di un gruppo imprenditoriale dell'industria dolciaria (LEGGI QUI). Si è poi esposto l'avvocato Gaetano Barbati, parlando di progetto imprenditoriale e di puntare almeno alla promozione in Lega Pro nei prossimi anni. Da una rapida ricerca in rete, nulla risulta su entrambi i personaggi, e per un imprenditore e un avvocato, è un fatto piuttosto curioso...

 


Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
comments powered by Disqus