IL LUPO ERA PROPRIO CATTIVO

2015-16 CARONNESE - DERTHONA 3-1

 

 

 

 

 

MA DOMENICA SI RIPARTE!

E' andata come un po' tutti si aspettavano e si torna a casa con una sconfitta subita sul campo della capolista del campionato.

 

Partendo per una trasferta come questa, le aspettative si dividono sempre tra l'obiettività di una probabile sconfitta dovendo incontrare una squadra molto in forma, e la speranza che nel calcio non si sa mai cosa possa accadere, e a dire la verità, tra noi tifosi, durante il viaggio di andata in autostrada, la speranza di riuscire a strappare almeno un pareggio era alta. Ma dopo tre minuti di gioco la Caronnese è già in vantaggio su azione da calcio d'angolo. Non importa, c'è ancora tutta una partita da giocare.

 

Infatti il Derthona non sembra subire il colpo e con un buon ritmo cerca da subito di raggiungere il pareggio. I bianconeri cercano di tenere il più possibile il possesso del pallone, perché la Caronnese appena può costruire, in pochi e velocissimi passaggi riesce dalla propria metà campo, ad arrivare nella nostra area e a rendersi pericolosa. Dopo qualche sterile tentativo di attacco da parte dei Leoni, Procida con un tiro da circa trenta metri che sorprende tutti, compresi noi in gradinata, riesce a segnare, a dire il vero, con grande aiuto del portiere di casa, che si lascia passare il pallone tra le mani quando il tiro sembrava già parato. Va bene anche così, non sempre bisogna fare gol con azioni manovrate e costruite, a volte basta osare un po' più del possibile ed è fatta.

 

Il primo tempo finisce così in parità, e le speranze aumentano, anche se si ha il dubbio che il Derthona riesca a tenere i ritmi alti che ha tenuto nei primi 45 minuti di gioco per limitare le giocate della capolista. Infatti nella seconda parte di gara, prende il sopravvento l'obiettività, il Derthona cala sempre di più i ritmi, e a questo punto la Caronnese sembra essere padrona del campo e comincia ad impegnare il nostro portiere Ferraroni in almeno tre o quattro impegnative parate.

 

Servirebbero dei cambi da parte nostra per cercare di tamponare le sfuriate dei padroni di casa, ma tra esitazioni e indecisioni a tratti clamorose (dalla panchina si chiama il cambio, ma ci si confonde con "chi" può sostituire "chi" per la regola dei giovani e degli anni di nascita) queste sostituzioni non arrivano tempestivamente, anzi vengono addirittura rinviate per chiarirsi un po' le idee, e proprio in quel momento la Caronnese segna il gol del vantaggio, con una bellissima azione che per velocità trae persino in inganno i nostri difensori che protestano per un possibile fuorigioco che osservando da fuori sembra non esserci.

 

Questa rete questa volta è pesante per i Leoni, si fa sentire, e un minuto più tardi con la complice ed ennesima espulsione di un nostro giocatore in questo campionato, per il Derthona sembra non esserci più niente da fare, anche se la speranza è sempre li a fare capolino. Minuto 43: terzo gol della Caronnese con un bel colpo di testa su cross derivante da calcio di punizione. Partita definitivamente chiusa.

 

Vittoria dei lombardi, dell'obiettività e fine della speranza.

 

Il Derthona non ha giocato male, si è dato un gran da fare, ma è risultato pressoché sterile nelle azioni di attacco, oltre il gol non ricordo parate impegnative da parte del portiere di casa. La squadra sembra aver perso un po' di quella brillantezza che aveva circa un mese fa, i motivi possono essere diversi, qualche infortunio e soprattutto qualche squalifica di troppo. Domenica prossima sarà vera emergenza a centrocampo per le squalifiche di Diallo, Velardi e Scienza in dubbio per infortunio.

 

Da fuori al mister in questo campionato si imputa spesso una ritardata tempestività nei cambi, ma obiettivamente oggi in panchina non c'erano molte alternative, addirittura mancavano due uomini in distinta, e anche se non si fosse fatta quella gran confusione con i cambi, non credo che il risultato sarebbe cambiato. Per conquistare un pareggio in questa partita, penso che il Derthona avrebbe dovuto giocare al di sopra delle proprie possibilità, la Caronnese è parsa una squadra molto forte, e la classifica è li a dimostrarlo. 

Analizzando il cammino dei Leoni fino a questo momento, si nota che le quattro vittorie sono arrivate con squadre che si trovano alle nostre spalle in classifica, mentre le quattro sconfitte con squadre che ci precedono: un cammino a dir poco regolare, senza grandi imprese e senza brutti colpi di arresto. Di questo passo la salvezza non sembra essere un'utopia, anche se per l'ennesimo anno si sta sempre qui a discutere su salvezza si, salvezza no. Chissà quanto tempo passerà ancora prima di vedere la squadra lottare per i primi posti... sempre se nei prossimi campionati esisteremo ancora. Io ho sempre questo dubbio, fino a quando la proprietà non mi dimostrerà il contrario.

Voglio fare a margine una piccola grande critica: in settimana è valsa veramente la pena far giocare in Coppa Italia una squadra imbottita di riserve e di giovani ed essere letteralmente buttati fuori? Credo che il mister lo abbia fatto per preservare i titolari per la partita di oggi. Ma visto che in questa partita si è usciti dal campo sconfitti comunque, io credo proprio di no. Sarebbero bastati due titolari in campo e penso che il turno si sarebbe passato, e magari con il proseguo del cammino noi tifosi ci saremmo trovati a dover affrontare una bella e importante trasferta. Ma si sa che da queste parti, come ogni anno, la Coppa Italia è snobbata, e io non ho mai capito il perché.


BAFFO

Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
comments powered by Disqus