NON E' FINITA FINCHE' NON E' FINITA

2014-15 DERTHONA-VALLEE D'AOSTE 2-0

 

 

 

UN BAFFO DIVISO

 

TRA SPERANZA ED

 

AUTOCRITICA

In un'atmosfera insolitamente distesa e rilassata, il Derthona ha vinto meritatamente una partita che non è mai stata in discussione se non nei primi 8 minuti, ma solo ed esclusivamente perché tanto è durato il risultato iniziale di 0 a 0.


Da quel momento, dal bel gol di Chirico, la squadra non ha praticamente mai sofferto o rischiato nulla, anche se il Vallée d'Aoste non ha mai mollato, anzi al contrario ha cercato di giocare la propria partita fino alla fine, ma obiettivamente è stata proprio la pochezza tecnica della squadra aostana ad aver facilitato il compito di un solito Derthona non diverso da altre occasioni, nel portare a casa questa vittoria.


Sarà stato il clima del "nulla da perdere" che si respirava nelle gradinate ancora prima che iniziasse la partita, perché come si sa, in questa situazione di classifica la squadra è retrocessa, oppure potrebbe essere che la testa dei giocatori sia stata liberata da tutti quei pesi che si portavano dentro e il fatto che in settimana siano venuti ufficialmente alla luce (polemiche sui rimborsi, polemiche sulle colpe reali o presunte di una incombente retrocessione, polemiche sugli squilli di telefono), ha fatto sì che si giocasse più rilassati e sgombri da macigni da trascinarsi in campo.


La classifica non è cambiata, anche perché ormai da qui alla fine i risultati a sorpresa saranno all'ordine del giorno, ma queste due vittorie, anche se ottenute con le ultime due squadre della classifica, hanno portato un briciolo di speranza, speranza quasi più dovuta che effettivamente reale, ma oggi sui gradini del Coppi, si facevano i conti sui distacchi da chi ci precede, si discuteva che battendo questo o quell'altro avversario si può, ma soprattutto si DEVE arrivare a disputare questo benedetto/maledetto play out, e poi succeda quel che succeda.


Noi tifosi vogliamo a tutti i costi arrivare a questo spareggio, lo vogliamo principalmente per noi stessi, per il nostro orgoglio che non abbiamo mai perso dall'inizio di questo sciagurato campionato fino ad ora e che non perderemo mai. Il rapporto con la squadra si è rotto già da diverse settimane, e di questo ne stanno risentendo tutti, siamo consapevoli che non stiamo dando l'aiuto che i ragazzi in campo vorrebbero da noi, ma questo non è stato deciso, è arrivato da sè, per tutte quelle situazioni gestite male, sia sportive che gestionali, che si stanno susseguendo forse da novembre ad ora.


Edoardo Chirico sigla il 2-0
Edoardo Chirico sigla il 2-0

Mi è rimasto impresso un episodio oggi: dopo il secondo gol di Chirico, quello che ha di fatto chiuso definitivamente la partita, il capitano Baudinelli tornando a centrocampo, si è girato verso di noi, e quasi un po' mestamente ha chiesto il nostro supporto, il nostro tifo, e sul risultato di 2 a 0 a nostro favore, cosa mai successa in questa annata, ci sarebbe anche potuto stare; ma nessuno ha dato peso e preso in considerazione questa richiesta, e si è continuato a discutere di ricordi di trasferte passate e di aneddoti tra il reale e il mitologico.


Ormai siamo ad un punto che ognuno, presidente, allenatore, giocatori, tifosi, si comporta e agisce a seconda di quello che pensa sia meglio e più giusto per se stesso; il Derthona in questo momento non è una società di calcio, ma un insieme di diverse individualità o gruppi che hanno si lo stesso obiettivo finale, la salvezza, ma nessuno sta cercando di ottenerlo unendo queste singole parti. Forse è proprio questa la causa che ci ha portato a vivere uno dei peggiori campionati disputati in serie D negli ultimi anni: quest'anno il Derthona è stato abortito alla nascita, NON E' MAI NATO.

 

Quindi che fare ora? Rimediare a questo in queste ultime quattro partite è praticamente impossibile, ma se ognuno facesse quello che avrebbe dovuto fare fino ad ora, e cioè chi deve giocare, giochi, chi deve allenare, alleni, chi deve pagare, paghi, chi deve tifare, tifi, forse questo Derthona può essere ancora salvato.

 

BAFFO

 


Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
comments powered by Disqus