L'ATTACCANTE CHE CI MANCA

2014-15 DERTHONA-LAVAGNESE


 

 



Andrea presenta:

 

DERTHONA-LAVAGNESE

 

Domenica arriva a Tortona la Lavagnese, nona in classifica; in settimana i recuperi hanno registrato risultati positivi (sconfitte Novese e Vallée d'Aoste) e così il Derthona è ancora terz'ultimo, a +2 dalla retrocessione diretta, -6 dal San Colombano 16° (ultimo posto utile per disputare la partita di play-out in casa) e a -11 dalla salvezza diretta, che appare ormai irraggiungibile.

 

Mancherà Baudinelli, l'unico attaccante esperto rimasto in rosa e per l'asfittico reparto può rappresentare un problema quasi insormontabile. Quasi...

 

Ormai sappiamo che il Coppi è frequentato, purtroppo, solo dagli irriducibili che, per amore della maglia, hanno resistito alle delusioni di antica matrice (24 anni senza vedere la serie C), al trend di disaffezione verso il sistema calcio, ben visibile in tutte le categorie, fino ai travagli dei recenti campionati (la "centrifuga" di allenatori e giocatori). Dubito che la (lodevole) iniziativa della Società di consentire l'ingresso gratuito alle donne per la festività dell'8 marzo possa portare ad un significativo incremento del pubblico. Anche gli appelli ormai lasciano il tempo che trovano: occorrerebbe un'iniezione di entusiasmo, che potrebbe però arrivare, si può obbiettare, solo con risultati e fiducia. Il classico cane che si morde la coda.

 

Quindi mi rivolgo proprio agli inveterati della malattia del tifo per i Leoni, quelli più inestirpabili della gramigna che spunta ogni primavera dai gradoni del Coppi: ci siamo davvero già arresi a un'inevitabile retrocessione? A perdere quella "quarta serie" che si è conquistata e difesa, con le unghie e con i denti, fino ad ora?


Borgosesia : ameno scorcio di simpatiche cariatidi in un momento di relax
Borgosesia : ameno scorcio di simpatiche cariatidi in un momento di relax

Ero tra i pochi tortonesi presenti a Borgosesia: si è perso, ma ho visto una squadra combattiva, che ha lottato su tutti i palloni per novanta minuti, ancora sconfitta ma non vinta in partenza, come purtroppo spesso ci è capitato di vedere in precedenza. Chi non viene (più) a vedere il Derthona, questo Derthona, ha tutte le giustificazioni di questo mondo, ma chi invece salirà ancora una volta sulla collina del Castello può provare a ricreare, almeno in parte, quell'atmosfera di sostegno e supporto che ha sempre costituito l'arma in più dei Leoni, in mille come in cento. Appunto, l'attaccante che ci manca.

 

Vorrei almeno provarci: probabilmente finirò per rimanere ancora deluso e incavolarmi al triplice fischio, ma un tentativo va fatto, per la nostra identità e per dare un mano a chi scende in campo, se si vede la maglia sporcarsi di fango e sudore.

LULU' OLIVEIRA

Ed ora passiamo al momento amarcord, leggasi come:  LA PRODEZZA DEL FALCO.

 

 

29 marzo 2009, Luís Airton Oliveira Barroso ha compiuto 40 anni da cinque giorni, il Derthona è ormai uscito dai brividi di una penalizzazione pesante e ha ingranato le marce alte (è alla terza vittoria consecutiva), stazionando tranquillo nelle zone medio-alte della classifica.


Si gioca con la Lavagnese, avversario da sempre ostico in questi anni e categorie, piove forte e il Coppi diventa un pantano. Non sembra la giornata adatta per le giocate del piede sopraffino del brasiliano, invece...


Dopo un quarto d'ora segna Zaniolo, rognoso ex-grigio e spezzino approdato di recente a Lavagna, ma i Leoni reagiscono riversandosi nell'area avversaria, intasandola. Arriva il pareggio grazie a un'autorete a fine primo tempo. D'entusiasmo, con un pubblico infiammato dalla vivacità degli scontri favorita dal campo scivoloso, si raddoppiano gli sforzi, in campo e sugli spalti...

L'arbitro fischia una punizione per il Derthona, poco oltre la metà campo, lato gradinata. Lulù si impadronisce della sfera; la distanza dalla porta è enorme, tanto che gli avversari non piazzano nemmeno la barriera, ma qualcuno osa chiedere l'ennesima prodezza: calciare in rete. Detto, fatto. Dal destro barroso parte un siluro che, dopo una parabola incancellabile nella memoria di chi c'era, si infila nel sette opposto. Flettendo le braccia come ali, "il Falco" vola verso la Gradinata Est in delirio, seguito da tutta la squadra.

 

Un momento unico, che ti fa ringraziare di essere tifoso del Derthona e niente altro.  

 

 

ANDREA

 

Grazie al sito ufficiale www.derthona.it per il video

Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
comments powered by Disqus