La partita della determinazione

Si potrebbe fare una richiesta in Lega? Giocare tutto il campionato contro il Sestri Levante (nella foto il loro portiere che tenta di raccogliere mestamente il pallone del   2-0). (continua)

 

Se all'andata proprio a Sestri è stata la migliore prestazione dell'anno, quella di oggi sicuramente ci si avvicina di molto. La squadra già dal primo minuto è partita immediatamente con uno spirito che non lasciava dubbi sulla volontà di voler vincere a tutti i costi, e così è stato.

 

Nelle partite "del baraccone serie A" si calcolano le statistiche del possesso palla: se si fosse fatto oggi al Fausto Coppi questo conteggio, sarebbe risultato che il Derthona avrebbe avuto la padronanza del gioco con una percentuale intorno al 100%. Non mi ricordo di una sola azione costruita dai sestresi, ma non per incapacità, ma per impossibilità: i palloni li abbiamo portati noi, e ce li siamo tenuti per tutta la gara, come quando si faceva da ragazzini nei campetti di periferia.

 

E' stata una vittoria di determinazione, si è entrati in campo per vincere, punto e arrivederci a domenica prossima. La partita è stata preparata sicuramente in modo perfetto, i ragazzi oggi non hanno giocato solo con i piedi, hanno giocato forse ancora di più con la testa. Il Sestri è parsa una squadra assolutamente nella media di tutte le altre, ma non ha avuto la benchè minima possibilità di poter giocare a calcio, non si è quasi mai avvicinata alla nostra area.

 

Ho la sensazione che si sia perso un mese di tempo con la gestione tecnica argentina, non che mister Longhi fosse uno sprovveduto, ma non aveva la benchè minima conoscenza della realtà di questi campionati dilettantistici, dove si sopperisce alla poca capacità tecnica, con un intento comune di tutti, le squadre in testa al campionato ce lo insegnano, e se a Novi, col senno di poi, si fosse stati un po' meno timidi, chissà, forse ora si starebbe qui a commentare tre vittorie di fila, ma sono solo supposizioni.

 

A essere pignoli però un appunto si può fare: bisogna sfruttare di più le occasioni create, oggi se ne sono sbagliate almeno un paio clamorose, ma probabilmente se gli attaccanti fossero più bravi, non giocherebbero in serie D.

Un inedito Andrea Freddo intento a battere il record di Stile Libero del Coppi
Un inedito Andrea Freddo intento a battere il record di Stile Libero del Coppi

Tanta è stata la determinazione, tanta è stata l'acqua da strizzare sia nelle divise bianche dei giocatori, sia nei nostri giubbotti in gradinata, acqua e entusiasmo, ma chi ce lo fa fare? Noi ci divertiamo così, come i bambini che giocano nelle pozzanghere, chi se ne importa se non c'è una comoda copertura a ripararci dalla pioggia, le comodità lasciamole ai borghesi viziati delle partite della televisione, a noi non interessa stare comodi, a noi interessa viverla la partita, anche questo fa parte del gioco.

 

Voglio fare un appello a chi legge e ultimamente però non frequenta più il Coppi: PROVATE A RIAVVICINARVI, lasciate perdere le questioni societarie, non fatevi condizionare, in questo momento la squadra merita di essere seguita, e se la salvezza lo scorso campionato poteva sembrare quasi un miracolo, se si dovesse ottenere anche quest'anno, sarebbe un evento... (mettete un aggettivo voi, io non lo trovo).

 

                                                                                                                      il vostro amico Baffo

 

 

 

CONDIVIDI >>>

Print Friendly and PDF

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...